mercoledì 22 agosto 2012

La tolleranza è oltre i limiti


LA TOLLERANZA E' "OLTRE I LIMITI"

(di D. Ruggiero)

Qualcosa mi dice che oggi non siamo più in grado di
intendere e di non volere.
In questo mondo di civiltà post-moderna ciò che manca è
la "tolleranza", anche se ciò può sembrare anacronistico.
Infatti, di fronte a qualunque evento fuori della norma siamo
abituati in questi giorni a sragionare dicendo:
"Cosa vuoi....
lascia andare....
ha bisogno...
non ha bisogno...
in fondo non è poi così grave...
è gravissimo..."
senza distinguere se il malfatto o il malfattore o l'evento
sono di natura oltre i limiti imposti dalla ragione,
... senza distinzione di sorta.
A questo punto occorre proporre un intervento di tipo
ingegneristico, in ogni campo: da quello delle arti a quello
della politica; dalle tasse al malcostume; dalle prigioni
ai diritti umani.
Non va bene dire: tutto è lecito o tutto non va, come
oggi si usa fare.
Sarebbe utile istituire, per ogni scala di Valori, un
"range di elasticità", una tolleranza di tipo ingegneristico
con limiti predisposti, oltre i quali non sia possibile andare.
Solo così è possibile lasciare la struttura in equilibrio,
in termini di stabilità.
Ogni ulteriore trapasso, a destra o sinistra, è sintomo
di pericolo per la vita sociale, o in termini di sperpero
di risorse o in termini di garanzie per gli individui,
e quindi va in ogni caso eliminato o estirpato o
previsto e curato, tralasciando gli interessi personali.
E' inutile dire "non ci avevo pensato", oggi, per arrivare
a non ritrovare più il filo della ragione, domani.
In ogni campo e situazione, l'uomo deve poter essere
"tollerante" ma non strafottente, sia verso le
"associazioni" sia verso "i singoli".
Solo così saremo amici del "nostro prossimo", amandone
i difetti ma non facendoci sopraffare dai suoi "pregi"
e solo allora la Società umana avrà un lungo periodo
di benessere economico e pace a volontà.

sito di domenico ruggiero


(D. Ruggiero - 22-8-2012)


Nessun commento:

Posta un commento